DRAGHI CONTRO MOSTRI !!!!


LA BATTAGLIA PER L’EUROPA

Fantasmi contro Draghi, ovvero Draghi contro Mostri.

Fuor di metafora proviamo a identificarli, capirne le minacce con le rispettive conseguenze.

Diamo allora un nome ai Fantasmi

  • Il più remoto sta in America e si chiama Donald Trump:

La sua minaccia: isolazionismo e abbandono della politica di distensione;

Conseguenza: crisi della tradizionale alleanza con l´Europa e pericolo per la pace.

  • In Europa Nord Occidentale si chiama Brexit:

La sua minaccia: abbandono dell´Unione Europea;

Conseguenza: gravi ripercussioni economico-finanziarie.

  • A Sud-Est si chiama insolvenza della Grecia:

La sua minaccia: fallimento dello Stato e della solidarietà europea;

Conseguenza: creazione di un pericoloso precedente.

  • Nel cuore della Vecchia Europa si chiama Miopia Politica e Svendita di Identità:

La sua minaccia: perseguimento di interessi esclusivamente nazionali;

Conseguenza: disgregazione dell’Unione e perdita nello scenario internazionale della capacità di contare sul piano politico, economico, culturale e dei valori.

Questi fantasmi hanno un profilo comune che chiamiamo Populismo: un DNA di ignoranza, egoismo, assenza di morale, calcolo politico elettorale di cortissimo respiro, sia in senso spaziale che temporale.800px-Mario_Draghi_World_Economic_Forum_2013_crop

Essi sono a un passo dal materializzarsi per diventare autentici MOSTRI, dai nomi più vari: deflazione, stagnazione, nazionalismi, euroscetticismo, xenofobia.

Contro queste minacce, a difesa dell’Europa i lottatori in campo sono “plurali”, ma solo nel nome.

Si chiamano DRAGHI.

                                                                                                                                                                                                  Mario Draghi, © World Economic Forum 2013

Con quali pacifiche armi la Banca Centrale Europea (BCE) di Mario Draghi sta affrontando queste piaghe?

Quelle di cui dispone sono varie ma esclusivamente di politica monetaria.

Vediamole in maggior dettaglio:

contro la deflazione/stagnazione la BCE

a.- porta i tassi verso lo zero, poi addirittura in negativo, per disincentivare le Banche a lasciare depositi presso la Sede Centrale, nella speranza che esse siano spinte a fornire credito a basso costo a famiglie e imprese incentivando così la ripresa.

b.- si impegna dal giugno 2016 al giugno 2018 a remunerare le Banche per i prestiti a famiglie e imprese (si veda Federico Fubini 13 maggio 2016).

c.- mette in azione un programma di Quantitative Easing (QE) di 2000 miliardi di Euro che consiste nell’acquisto di titoli di Stato per immettere liquidità nel sistema, inizialmente di 60, dal marzo 2016 di 80 miliardi al mese.

d.- sottolinea in sintonia con l’OCSE i limiti del proprio campo di azione, dichiarando alla Commissione Europea e ai Governi Nazionali, che la “politica monetaria da sola non basta”, se non è sostenuta da politiche fiscali mirate, da investimenti sistemici e da riforme strutturali che consentano di migliorare competitività e produttività. (Doppio pressing su Governi e Banche, di Danilo Taino, 11 marzo 2016).

 

contro nazionalismo/euroscetticismo/xenofobia la BCE,

sostenendo la necessità della convergenza delle politiche comunitarie, basate sull’alleanza per un fine comune, implicitamente indica la strada maestra per sconfiggere i MOSTRI di cui sopra.eurotower

Purtroppo finora abbiamo assistito alla incapacità complessiva dei governi nazionali di investire capitale politico nel progetto Europeo. Le perentorie sollecitazioni di Mario Draghi dirette agli Stati Europei ad imboccare la via della collaborazione per la salvezza dell’Europa sul piano economico e politico valgono perciò come indicazioni di metodo. Metodo di lotta contro le scelte disgreganti dettate dal nazionalismo elettorale ed economico, prodotte dall’Euroscetticismo e dalla Xenofobia.

Saranno in campo altri “eroi” a lottare al suo fianco per evitare all´Europa la perdita di sé?

L’area Democratica e Socialista sarà in grado di associarsi a questa lotta ?

O dobbiamo sperare solo nell’alleato “ Francesco” ?

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: